Cosa fare e vedere a Sirmione

0

Noto e apprezzato centro climatico e termale, Sirmione è una piccola meraviglia appollaiata sulle rive del lago di Garda, tanto ammirata e amata, al punto da meritarsi una dedica da Catullo che la definì “perla delle penisole e delle isole”;  dal 1950 al 1959 ospitò anche Maria Callas che vi risiedette con il marito Giovanni Battista Meneghini.

Ecco cosa vedere a Sirmione

Penisola che divide Desenzano e Peschiera, si presenta ai visitatori con un ponte al di là del quale si erge la Rocca Scaligera, costruzione risalente al XIII secolo, caratterizzata da 3 torri merlate, il mastio che con i suoi 47 metri d’altezza domina il lago e, all’interno, un grande cortile. Nel castello è possibile passeggiare su camminamenti e passare su ponti levatoi giungendo sino al cortile della darsena che permette, inerpicandosi sulla scalinata composta da 146 gradini, di giungere sino alla postazione di guardia.

Rocca Scaligera Sirmione

La Rocca Scaligera (o Castello Scaligero), rappresenta un esempio di castello ben conservato e, purtroppo, è visitabile solo all’esterno; Mastino I della Scala decise di realizzare questa fortificazione per sancire la sua predominanza su Sirmione ma anche per offrire uno strumento di difesa alla cittadina esposta alle aggressioni, non fu pensata come residenza perciò, gli interni, hanno scarso interesse turistico.

Gli amanti del turismo religioso, dell’arte e dell’architettura non potranno non dedicare le loro visite alla Chiesa di Santa Maria Maggiore (o Santa Maria della Neve), risalente al XV secolo, con affreschi quattro-cinquecenteschi.

Santa Maria della Neve a Sirmione

La Chiesa si trova a pochi passi dal Castello, per giungervi è necessario superarlo e girare a sinistra, proseguire lungo Via Dante sempre a sinistra e, giunti alla fine della via, girare di nuovo a sinistra; situata in posizione piuttosto defilata, lontano dai luoghi più frequentati dai turisti, può essere visitata con calma e, anche chi decide di entrare per qualche minuto di raccoglimento non avrà difficoltà a trovare pace e serenità.

A pochi passi dal castello, subito dopo l’ingresso al borgo si trova invece  la Chiesa di Sant’Anna, davvero molto piccola, è spesso meta di turisti che vi accedono quasi per caso, notando le porte aperte e il via vai di persone che entrano ed escono.

Chiesa di Sant'Anna Sirmione

E’ poi presente un’ulteriore Chiesa, quella di San Pietro in Mavino, risalente addirittura al VIII secolo e caratterizzata da una struttura a capanna.

Tra le strette e caratteristiche vie pedonali ci si perde in un mondo di colori e vetrine, lo shopping la fa da padrona, tra negozi che vendono souvenirs e oggetti per tutte le tasche, si trovano anche boutique in cui fare acquisti esclusivi e ammirare capi caratterizzati dalla tipica qualità del made in Italy.

Proseguendo tra le irregolari vie dell’abitato si imbocca la strada che porta sino alle Grotte di Catullo, i resti della villa romana visitabile a pagamento, perfetta per un tuffo nella cultura e per godere del panorama mozzafiato che la sua posizione privilegiata regala a chi decide di recarvisi. Tra rovine, olivi e camminamenti, è possibile trascorrere alcune ore che si trasformano in un momento romantico e di sicuro effetto se si ha la fortuna di poter assistere al tramonto.

Grotte di Catullo Sirmione

Per raggiungere le Grotte di Catullo (a Sirmione, parlando di Grotte di Catullo non si intendono delle vere grotte perciò, se pensate di immergervi nelle viscere della terra, avrete una brutta sorpresa) si dovrà percorrere l’intera penisola perciò, dotatevi di scarpe comode; se non avete voglia di arrivare a piedi seguendo l’intera salita, soprattutto in estate, quando la calura può renderla difficoltosa a chi soffre il caldo o ha problemi di salute, prendete il trenino che vi lascerà direttamente all’ingresso.

Della villa disposta su più livelli purtroppo non resta molto tuttavia, ciò che rimane riesce a far immaginare la magnificenza del luogo; da questo punto è possibile anche ammirare il Lago, Jamaica Beach che si estende al di sotto, e alcuni squarci davvero suggestivi.

Tra sport e relax

Le cose da vedere a Sirmione sono moltissime e non hanno a che fare solo con la storia o la spiritualità.

Ammirare il bellissimo lago è possibile percorrendo la passeggiata delle Muse che conduce sino alla spiaggia del lido delle Bionde o la più gettonata Jamaica Beach dove però è necessario fare attenzione perchè le rocce sono scivolose e, la caduta è dietro l’angolo.

Jamaica Beach, un tempo raggiungibile solo con molta difficoltà, è oggi accessibile a tutti grazie all’ingresso posto nei presso della biglietteria delle Grotte di Catullo; per accaparrarsi un posto in questa zona in cui l’acqua è chiarissima e cristallina, è necessario arrivare presto nel corso della mattinata.

Jamaica Beach Sirmione Lago di Garda

Tra le tante cose, Sirmione offre anche spiagge in cui passare il tempo in relax, crogiolandosi sotto il sole o garantendo agli amanti dello sport la possibilità di divertirsi con windsurf, vela, pesca, canottaggio. E chi non ama gli sport acquatici? Non c’è problema, è possibile praticare anche golf, trekking ed equitazione.

Famosa per le terme, Sirmione mette a disposizione di abitanti e turisti 3 stabilimenti termali: Aquaria, Virgilio e Catullo.

Sirmione è però anche il regno della buona tavola; numerosi sono i piatti a base di pesce di lago che si possono gustare in uno dei tanti ristoranti dove, in alcuni casi, potreste avere anche la fortuna di degustare uno dei tanti ottimi vini oppure oli prodotti nella zona.

Sirmione è una vera perla che regala emozioni ed esperienze indimenticabili, lasciando il ricordo di paesaggi strepitosi e giornate spensierate, passeggiando non si potrà non restare colpiti da alcuni angoli caratteristici in cui bellissimi fiori o un elemento decorativo li rendono unici… e che non scorderete più.

Booking.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here