Le 6 Stelle del Lario

2

Il lago di Como offre numerosi itinerari per scoprirne le peculiarità, siti di interesse culturale e naturale; Le 6 Stelle del Lario è un percorso che include luoghi di bellezza unica e imperdibile, ville, luoghi naturali, complessi militari e religiosi che permetteranno di conoscere il Lario battendo anche sentieri meno conosciuti.

1 Le 6 Stelle del Lario: Castello di Vezio

Il Castello di Vezio, situato a Vezio, frazione di Perledo, è raggiungibile sia a piedi che in macchina; chi giunge in questa località intima e fiabesca, potrà ammirare la torre e i ruderi dell’antica fortificazione.

All’interno di questo complesso si trova una falconeria e, con un po’ di organizzazione, si potranno ammirare gufi, aquile e altri bellissimi volatili mentre si esibiscono in acrobazie, voli rasoterra o nel blu del cielo; all’interno della torre, cui si giunge grazie a un ponticello sospeso, sono conservate invece armi, armature e il lariosauro, Larrie per gli amici, che visse nel Lago in un lontano passato.

Castello di Vezio, Le 6 Stelle del Lario

Dalla sommità della torre lo sguardo si apre su un panorama a dir poco mozzafiato; di fronte a Perledo si trova Bellagio perciò si può godere della vista dei due rami del Lago mentre, abbassando lo sguardo, si contempla la bella Varenna che si riflette nelle acque lacustri.

Del Castello di Vezio si possono visitare i giardini, la torre, la cinta muraria e, al suo interno è presente anche un punto ristoro.

2 Le 6 Stelle del Lario: Forte di Fuentes

Anche il Forte di Fuentes rientra tra Le 6 Stelle del Lario.

Situato a Colico, vi si giunge tramite una breve camminata percorrendo una strada costruita nel corso della prima guerra mondiale.

Realizzato per volere di don Pedro Enriquez de Acevedo conte di Fuentes, aveva il compito di proteggere il confine dell’alto Lario dalle aggressioni del Libero Stato delle Tre Leghe; fino al 1736 restò in mano spagnola poi, fu conquistato dai Gallo-Sardi, riconquistato dagli Austriaci e chiuso dall’Imperatore Giuseppe II d’Austria.

Le 6 Stelle del Lario Forte di Fuentes

Acquistato in seguito da un austriaco che ne fece una fattoria, fu riabilitato nel corso della Prima Guerra Mondiale quando furono realizzate 8 postazioni per cannoni.

Chi visita il Forte può ammirare la grande piazza d’armi, i resti della Chiesa di Santa Barbara, la caserma, gli alloggi del comandante, il palazzo del Governatore e le postazioni che ospitavano i cannoni; non è possibile accedere agli interni di ciò che è rimasto perché in condizioni precarie e, praticamente svuotati.

Lasciandosi la piazza d’armi alle spalle si giunge al belvedere da cui si ammira il bel panorama che domina sul Pian di Spagna, Colico, il fiume Adda e, proprio di fronte, Forte Montecchio Nord.

3 Le 6 Stelle del Lario: Forte Montecchio Nord

Sempre a Colico è situato Forte Montecchio Nord, fortezza della prima guerra mondiale meglio conservata in Europa; costruita in un solo anno, è stata in realtà utilizzata per gli addestramenti militari e come polveriera.

La visita guidata porta a scoprire ogni angolo e segreto di questo Forte, dai camminamenti con le feritoie per guardare l’esterno e sparare, alle polveriere, alla piazza d’armi, alle stanze in cui dominavo i militari.

Uno dei punti forte è la visita all’interno del cannone.

 Le 6 Stelle del Lario Forte Montecchio Nord

Grazie alla visita guidata è possibile entrare nel cannone e scoprirne i segreti oltre a comprendere il suo funzionamento; si tratta di un’esperienza davvero unica, non è infatti usuale avere la possibilità di entrare di un cannone vero e proprio, ancora originale, e poter vedere tutto quello che nasconde al suo interno, cosa era necessario fare per farlo funzionare, le manovre che i militari dovevano compiere.

Prima di terminare si sale all’esterno, dove si trovano le cupole e, da questa posizione invidiabile, il panorama che si ammira è davvero strepitoso e lascia senza fiato; qui, viene lasciato un po’ di tempo libero per scattare delle foto ricordo prima di uscire e, dopo alcune altre spiegazioni, terminare la visita.

4 Le 6 Stelle del Lario: Abbazia di San Nicolò a Piona

L’Abbazia di Piona si trova sul territorio di Colico ed è comodamente raggiungibile in automobile; in pochi passi, superato il negozietto in cui acquistare i prodotti dei monaci, si arriva alla Chiesa consacrata in un primo tempo alla Beata Vergine Maria e in un secondo a San Nicola di Bari.

 Le 6 Stelle del Lario Abbazia di Piona

La bella Chiesa con un’unica navata e pianta rettangolare è molto intima e al suo interno nasconde un quadro “misterioso”; il dipinto di Girolamo Pergola che rappresenta la Vergine Maria con un Gesù ancora bambino, mostra sulla sua superficie alcuni elementi che appaiono tridimensionali.

L’apertura sulla destra, conduce al chiostro a pianta quadrangolare irregolare realizzato nel corso del 1200 per volere di Bonaccorso de Canova; molti sono gli affreschi qui osservabili e, uno su tutti, l’antico calendario raffigurante scene campestri.

Nel giardino, oltre alla grotta dedicata alla Madonna di Lourdes, si gode di una splendida visuale sul Lago.

5 Le 6 Stelle del Lario: Villa Monastero

Bella da togliere il fiato, tra le 6 Stelle del Lario non poteva mancare Villa Monastero.

Situata all’ingresso del romantico abitato di Varenna, è uno scrigno prezioso che nasconde tesori artistici e architettonici.

Edificato sulle rovine di un monastero cistercense, iniziò ad avere l’aspetto come oggi noi lo conosciamo quando passò nelle mani di Walter Erich Jacob Kees; a disposizione del pubblico divenne però solo alla morte di Marco De Marchi.

 Le 6 Stelle del Lario Villa Monastero

Gli interni della villa sono maestosi, un vero e proprio gioiello d’arte che, stanza dopo stanza, riempie gli occhi di chi la visita; l’imponente scalone in marmo, i pannelli in maiolica, gli arredi d’epoca, i bei camini e gli arazzi sono imperdibili.

Una vera chicca è il “bagno di Re Faruk” in stile pompeiano con la vasca in maiolica azzurra e blu, obelischi in marmo e pannelli con raffigurazioni, che richiamano la vita marina.

Il giardino, con le sue specie botaniche, le aiuole, i fiori che in primavera creano vere e proprie coreografie colorate e profumate sono la cornice ideale di statue, fontane e un lago dalle acque blu che offre un panorama che tutto il mondo ci invidia.

6 Le 6 Stelle del Lario: L’Orrido di Bellano

Passare del tempo all’Orrido di Bellano, una delle 6 Stelle del Lario, significa fare un tuffo nella natura, tra scrosci e salti d’acqua, rocce scavate, e una vegetazione che cresce rigogliosa.

Il fiume Pioverna scorre vigoroso creando cascate poderose in questa gola naturale che può essere percorsa grazie alle passerelle artificiali costruite dall’uomo e ancorate nella roccia.

Le 6 Stelle del Lario Orrido di Bellano

Il luogo è affascinante e, la “casa del Diavolo”, nei pressi dell’ingresso, rende il tutto anche vagamente misterioso; in estate, con gli schizzi che raggiungono i turisti, il luogo regala un po’ di refrigerio dal caldo e dall’afa mentre, quando il clima si fa più fresco, è necessario coprirsi leggermente.

Il luogo merita una visita, è suggestivo e quando le piogge sono state abbondanti diventa ancor più affascinante.

Booking.com

2 COMMENTS

  1. non sono mai stata in questi posti, ma devo dire che mi incuriosiscono molto soprattutto villa monastero e l’orrido di bellano, voglio assolutamente visitarli, grazie per le preziose info

  2. Io frequento il lago Maggiore e conosco sommariamente il lago di Como e tutte le sue meraviglie e grazie a questo post mi hai fatto scoprire alcuni angoli che non conoscevo, mi piacerebbe tantissimo visitare la Villa Monastero e l’Orrido di Bellano, passeggiare su quella passerella.
    Grazie per tutte le informazioni e per le foto suggestive… Mi piacerebbe tantissimo vedere tutto dal vivo!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here