Le origini dei laghi italiani

0

In Italia sono moltissimi i laghi che accolgo ogni anno migliaia di turisti; amati e ammirati in tutto il mondo, sono noti per gli scorci romantici, le belle ville, le dimore storiche, i musei e le spiagge che, come nel caso di Jamaica Beach, vi farà pensare di essere stati catapultati ai Caraibi o alle Maldive.

L’origine dei laghi italiani non è la stessa per tutti, inseriti in contesti diversi e formatisi in epoche differenti, possono vantare caratteristiche alquanto varie.

Laghi vulcanici

I laghi di origine vulcanica affascinano per la loro origine poiché, si sono formati occupando quello che è ormai divenuto un cratere (laghi craterici) o una caldera (laghi di caldera) di un vulcano spento.

Per questo motivo, in Italia, è più facile trovarli in centro Italia.

Il lago vulcanico più noto, nonché più grande d’Europa, è il Lago di Bolsena; con una superfice di 113,5 Km2 ha al suo interno anche 2 isole ed è il luogo perfetto per vivere a contatto con la natura.

Lago di Bolsena
Foto di fausto manasse da Pixabay

Anche il Lago di Bracciano, ottavo lago per estensione in Italia, ha origine vulcanica; altri laghi con la stessa origine sono il Lago di Vico, il piccolo Lago di Monterosi, il Lago di Mezzano, il Lago di Albano  (o Lago di Castel Gandolfo) dove nel 1960 si tennero le Olimpiadi di Roma, e  il Lago di Nemi

Laghi di origine vulcanica sono poi il Lago d’Averno, in Campania, che era ritenuto dai greci e dai romani, il luogo d’accesso per l’oltretomba, o i Laghi di Monticchio in Basilicata con le belle abbazie, il castello e la riserva naturale.

Laghi tettonici

Le origini dei laghi tettonici vanno ricercate nei movimenti della crosta terrestre che ha creato delle fosse tettoniche in cui si è poi inserito il lago.

In Italia esiste solo un lago di origine tettonica ed è il Trasimeno, situato in Umbria; bellissimo da visitare, oltre alle splendide cittadine che lo punteggiano, racchiude al suo interno anche 3 isole: Polvese, Isola Maggiore e Minore.

Castiglione del Lago

Per ammirare il Lago da un punto di vista suggestivo, il punto ideale è il mastio della Rocca del Leone di Castiglione del Lago, uno dei “Borghi più belli d’Italia”.

Laghi glaciali

Tra i vari tipi di laghi, quelli di origine glaciale, in Italia, sono molto diffusi; questi laghi si sono formati occupando lo spazio che si è creato in seguito all’erosione avvenuta per opera di un ghiacciaio (laghi di circolo) oppure, occupando la parte finale di valli glaciali (laghi glaciali vallivi).

Tra i laghi di origine glaciale c’è il Lago di Como, con le sue belle ville, gli squarci romantici, i sentieri dedicati a chi ama passeggiare nella natura; amato dai vip, tanto da renderlo mèta per le vacanze e i matrimoni, è stato più volte set cinematografico di film di successo e destinazione di vacanze all’insegna del lusso di personaggi più o meno famosi.

Lago di Como

Anche il Lago di Garda ha la stessa origine; mèta apprezzata dai turisti stranieri e non solo, è ideale per trascorrere vacanza all’insegna del relax, tra bagni e divertimento, scoprendo i numerosi prodotti del territorio tra cui, menzioni particolari vanno al vino e all’olio.

Altri laghi di origine glaciale, per fare alcuni esempi, sono il Lago Maggiore, il Lago di Viverone, il Lago d’Iseo, il Lago del Segrino, Lago di Braies.

Laghi carsici

I Laghi Carsici occupano depressioni superficiali oppure zone erose dalle acque sulle rocce calcaree; in Italia non sono presenti molti laghi di questo tipo e, se non hanno immissari, rischiano di scomparire.

Tra i Laghi Carsici italiani ci sono il Lago di Doberdò e il Lago del Matese (alimentato da sorgenti perenni e scioglimento delle nevi del Monte Miletto).

Laghi costieri

Tra i vari tipi di laghi, i Laghi Costieri si formano nei pressi dei mari e delle coste dove, le onde, creano un’insenatura occupata dapprima da una laguna poi, una volta che la sabbia ha creato uno sbarramento totale al mare, si formerà un lago.

Tra i laghi costieri in Italia si possono ricordare il Lago di Lesina, tra il Tavoliere delle Puglie e il Gargano, il Lago di Varano, il più grande lago costiero italiano, il Lago di Sabaudia, il Lago di Biviere di Gela, per fare qualche esempio.

Laghi di sbarramento

I laghi di sbarramento si formano generalmente a causa di frane che, riversandosi in un corso d’acqua, lo bloccano svolgendo lo stesso ruolo di una diga; possono essere sia di origine naturale, che artificiale (realizzati con la costruzione di dighe).

Esempio di questo tipo di lago è il Lago di Alleghe, formatosi dopo che una frana bloccò il corso del fiume Cordevole nel 1771; purtroppo, a causa di questo evento, furono sommersi i villaggi di Soracordevole, Sommariva, Costa e Torre.

Lago di Alleghe
Foto di rayisa Kysil da Pixabay

Altri esempi di laghi di sbarramento sono il Lago di Pola, il Lago di Molveno, il Lago di Scanno, il Lago di Corbara, il Lago di Auronzo e il Lago di Campotosto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.