Una visita al Civico Museo Setificio Monti

0

Ad Abbadia Lariana, lungo Via Nazionale, al numero 93, si trova il Civico Museo Setificio Monti, una struttura che ospita oggetti legati all’attività serica; in origine il museo era una fabbrica in cui avveniva la torcitura della seta, terminata nel 1934.

La storia del filatoio

La storia del filatoio Monti inizia nel lontano 1818 quando il setaiolo Pietro Monti, da Milano si spostò ad Abbadia Lariana trasformando il preesistente follo da pannolini; nel 1869 ampliò la struttura e vi aggiunse un edificio in cui coltivare bachi da seta e filare. In questo modo la famiglia Monti ebbe il pieno controllo di tutto il processo produttivo della seta.

Al posto di uno dei 2 torcitoi circolari vennero inseriti 3 torcitoi rettangolari; uno, alla chiusura del filatoio nel 1934, fu acquistato dalla famiglia Abegg e donato poi al Museo Tecnorama di Winterthur.

Dal filatoio al Civico Museo Setificio Monti

Rimasta inutilizzata sino al 1978, tutta la struttura, composta di 2 edifici, venne poi acquistata dal comune e lentamente iniziò il recupero; con duro lavoro si restaurò un torcitoio e ora, rinnovato, lo si può ammirare ruotare e lavorare la seta.

Torcitoio Museo Setificio Monti

Dopo il restauro e dopo avervi inserito anche materiali provenienti da altri filatoi, nel 1998 è nato il Civico Museo Monti, una vera perla da visitare per conoscere un’antica attività.

Il torcitoio, alto 9.5 metri e ha il diametro di 5, è articolato su 4 piani di lavoro, 9 valichi, 162 aspi e 972 fusi; uno dei pochi ancora funzionanti in Europa, è posto ancora nel sito originale e, temporaneamente, funziona con un motore elettrico. Metà, essendo di proprietà del Museo Tecnorama di Winterthur, è in comodato.

Torcitoio Museo Setificio Monti

Osservarlo in azione mentre gira, ammirare il movimento delle bobine, affascina i visitatori che si incantano di fronte a un macchinario così antico che pare tuttavia estremamente perfetto nella sua maestosa imponenza.

Il torcitoio sarà il primo macchinario ad accogliervi se una volta entrati al museo girerete verso sinistra mentre, sarà l’ultimo, se sceglierete di visitare prima le stanze superiori e lasciare il pezzo forte solo alla fine.

Lungo il percorso è possibile accedere alla sala di soffocazione a umido, utilizzata per soffocare le crisalidi nei bozzoli; metodo molto diffuso in Brianza, si componeva di un focolare con caldera d’acqua che produceva vapore che usciva poi dal camino e arrivava sul tetto.

La camera fu costruita attorno al 1890 e lo sportello del focolare è datato 1887; nel ‘900 smise di funzionare, fu murato, adibito a deposito fresco, manomesso e in seguito riportato a com’era in origine.

Nelle sale si possono ammirare accessori e strumenti del mestiere, la cavagna, vecchi articoli di giornale, un antico contratto collettivo nazionale del lavoro, un torcitoio da seta circolare, modellini; al suo interno è custodita anche una collezione di oggetti di valore donati dall’artista Ezio Moioli Olcio.

Museo Setificio Monti

Una vera chicca da non perdere, un piccolo gioiello per conoscere le tradizioni e i lavori del territorio che, in molti casi, sono andati scomparendo e non restano altro che queste testimonianze per conoscerli.

Siete pronti a trascorrere la vostra vacanza da sogno ad Abbadia Lariana?

BETS PRICE, prenota con noi!



Booking.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.